w3 Total Cache i migliori plugin wordpress

Velocizzare Il Caricamento Delle Pagine Web Con W3 Total Cache

Come Velocizzare il Caricamento Delle Pagine Di WordPress

Come Velocizzare WordPress – La Guida

  1. La Scelta Dell’Host
  2. Il Tema Giusto
  3. I Plugin Essenziali
  4. W3 Total Cache
  5. Cloudflare e W3
  6. Autoptimize

Avete mai provato ad usare gli speed test sul vostro sito? Se non lo avete mai fatto potete usare questi 3 strumenti:

Page Speed di Google

Gt Metrix

Pingdom

Qual’è il risultato? Sappiate che un punteggio ritenuto accettabile è di circa 85 su 100 nel primo e di minimo una B negli altri due. Se non ci siete neanche minimamente vicini non preoccupatevi, è normale.

sito lento a caricare

sito lento a caricare

Se siete alle prime armi potreste non aver mai preso seriamente l’idea di investire del tempo nell’ottimizzazione del vostro sito. La velocità è di fondamentale importanza se volete raggiungere le prime posizioni dei motori di ricerca.

Se il vostro portale è lento i vostri visitatori se ne andranno a causa dei tempi di caricamento infiniti. Un vero peccato perdere potenziali lettori e/o clienti in questo modo non trovate?

Come Risolvere?

Basteranno un paio di piccoli accorgimenti per rimediare a tutto questo. Se avete già letto le altre pagine della mia guida avrete già provveduto a scaricare il plugin di W3 Total Cache, nel caso non lo abbiate fatto vi invito a darle uno sguardo veloce dall’inizio.

Troverete alcuni consigli che vi permetteranno di raggiungere dei gran punteggi nei Page Speed test rispettando così le direttive di Google.

Da Dove Partiamo?

Prima di tutto attivate il plugin di W3 Total Cache. Se non lo hai ancora scaricato adesso è il momento giusto.

Una volta attivato possiamo partire ad impostarlo al meglio:

General Settings:

General settings w3 total cache

General settings w3 total cache

Queste sono tutte le impostazioni generali, attivandole potremmo poi andare ad impostare quelle specifiche per ogni voce.

Mettiamo la spunta alle seguenti voci:

-Page Cache. Lasciamo (o mettiamo) la selezione di Page Cache Method su Disk: Enhanced

-Minify (se non utilizziamo CloudFlare, altrimenti bisogna lasciarlo senza spunta). Impostiamo Minify Mode su auto ed impostiamo tutti gli altri campi su Default.

-Database Cache. Impostiamo il Method su Disk.

-Object Cache. Method su Disk.

-Browser Cache.

Passiamo alle altre impostazioni. Le trovate sempre nella voce “Performance” nella colonna di sinistra di WordPress.

Page Cache:

page cache w3 total cache

page cache w3 total cache

-Cache Post Page

-Cache Feeds

-Solo se avete il modulo SSL attivate Cache SSL

-Don’t Cache pages for logged in users

-Don’t cache pages for the following users roles. Mettete la spunta a tutti tranne subscribers.

Andiamo giù e mettiamo la spunta nella sezione Cache Preload nelle voci:

-Automatically prime the cache page

-Preload the post cache upon pubblish event.

Scendiamo e mettiamo la spunta a:

-Compatibility mode.

Minify Settings:

minify w3 total cache

minify w3 total cache

-Rewrite Url structures

-Html e Xml: Tutto tranne line break removal

-Js settings: Enable

-Css: Solo Enable e Line break removal

Browser Cache:

Browser cache w3 plugin

Browser cache w3 plugin

 

Mettiamo la spunta alle prime 7 voci.

Abbiamo terminato l’impostazione di W3 Total Cache, potete rilassarvi.

Una volta arrivati qui potete ripetere i test e vedrete già dei notevoli miglioramenti. Ora avete due possibilità:

Integrare Cloudflare e W3 Total Cache e poi, successivamente, Autoptimize

Proseguire solo con Autoptimize

Quali Sono I Pro Ed I Contro?

Qui si possono aprire tantissime discussioni al riguardo. Claudflare è una delle più famose CDN (content delivery network) al mondo. In parole povere se lo integrate nel vostro sito verrà creata una copia del vostro lavoro e verrà resa disponibile sui server di Cloudflare sparsi per il mondo.

Così facendo se per caso una persona cerca di visitare il vostro sito dalla Cina avrà un tempo di caricamento molto più veloce rispetto al caso in cui non utilizziate questo servizio. Lo trovo utilissimo nell’eventualità in cui abbiate dei siti multilingua oppure degli e-commerce che vendono in tutto il mondo.

Oltre a questo, il sistema di Cloudflare, proteggerà il vostro sito da attacchi DDos e tramite alcuni software del tutto gratuiti vi aiuterà a diminuire i tempi di caricamento delle vostre pagine.

Purtroppo l’unica “pecca” se possiamo chiamarla così è che dovrete re-impostare i DSN del vostro sito. Non è difficile ma bisogna avere gli accessi al pannello di controllo dell’host che ospita il vostro dominio.

Troverete comunque una piccola spiegazione, nel caso vogliate utilizzare Cloudflare, nel post dedicato a questo servizio, sempre su SeOverkill, e nel loro sito.

Se invece non lo ritenete importante e decidete di proseguire senza vi basterà proseguire con la prossima pagina della guida.

Parte 5

->Cloudflare e W3<-

2 commenti
  1. Elena dice:

    Ciao,
    è possibile che W3 Total cache confligga con jetpack? Perché lo installo e mi si blocca il sito… Eppure avrei tanto bisogno di mantenere leggero il mio sito, ogni volta che vado su pingdom me lo ricorda… 🙂
    Puoi aiutarmi?

    Rispondi
    • admin dice:

      Ciao Elena,
      in che senso si blocca il sito? Stai utilizzando anche Autoptimize? Io non ho mai avuto problemi con W3 Total cache e Jetpack… Se vuoi mandami uno screen delle impostazioni via mail che cerchiamo di risolvere 🙂

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *