autoptimize

Autoptimize Plugin | Come Velocizzare Un Blog Con WordPress

Autoptimize Plugin Per WordPress

Come Velocizzare WordPress – La Guida

  1. La Scelta Dell’Host
  2. Il Tema Giusto
  3. I Plugin Essenziali
  4. W3 Total Cache
  5. Cloudflare e W3
  6. Autoptimize
autoptimize

autoptimize

Siamo giunti all’ultima parte della guida su come migliorare e velocizzare un blog creato con WordPress. Se siete riusciti ad arrivare fino a qui dovreste aver raggiunto un buon risultato nei test di velocità delle pagine.

Ma possiamo ancora migliorarci. Infatti esiste un piccolo strumento che vi aiuterà a dare una spinta in più al vostro blog. Autoptimize è dedicato completamente alla velocità e vi permetterà di ottenere tempi di caricamento davvero incredibili.

Come Iniziare

Prima di tutto attiviamolo (se non avete seguito la mia guida allora scaricatelo dalla sezione plugin di WordPress). Una volta attivato iniziamo ad impostare le sue funzionalità.

Schermata Principale

Vi troverete davanti a 4 impostazioni, ma non sono tutte quelle che interessano a noi. In alto a destra troveremo una voce “Mostra impostazioni avanzate”. Clicchiamo e ci si apriranno diverse opzioni su cui lavorare.

Opzioni autoptimize

Opzioni autoptimize

Html

La prima voce che attiveremo sarà quella dell’ottimizzazione del codice Html. Non avendo questa possibilità nel plugin di W3 Total Cache (che abbiamo impostato nei capitoli precedenti della guida) ci converrà utilizzare questa funzionalità. Mettiamo la spunta e proseguiamo.

Javascript

Javascript

Javascript

Il Javascript è sempre un tasto dolente.  Molto spesso modificarne la posizione, od utilizzare tecnologie di ottimizzazione, può causare problemi nella visualizzazione della pagina. Nelle mie impostazioni, e consiglierei anche a voi di fare così, ho messo la spunta solamente alla prima voce “ottimizzazione del codice javascript”.

Le altre voci mi hanno dato alcuni problemi di caricamento, se volete provare ad usarle mettete la spunta e cliccate in fondo alla pagina “salva e svuota cache”. Aprite una nuova pagina e navigate nel sito alla ricerca di errori.

Se non li trovate allora procedete con i test di velocità delle pagine, se invece avete dei problemi dovrete ritornare nel plugin, disattivare la voce, salvare, svuotare la cache e riprovare a ricaricare la pagina nell’altra scheda per vedere se l’errore scompare.

Spesso il difficile dell’ottimizzazione è scovare e sistemare gli errori. Non sottovalutate mai questi passaggi di debug.

CSS

Ultima voce di nostro interesse. Mettiamo la spunta su “ottimizzazione css”. Ora dobbiamo fare attenzione a quello che page speed insight ci restituisce.

Essendo un tool di Google ed avendo come obbiettivo principale quello di raggiungere le prime posizioni dello stesso motore di ricerca, forse ci conviene assecondarlo il più possibile.

Nel mio sito, prima di impostare correttamente queste opzioni, il risultato era di 78 su 100. Page speed mi richiedeva di ottimizzare la pubblicazione dei CSS per migliorare la velocità della pagina.

Page speed

Page speed

Quali Voci Scegliere?

css

css

Nel mio caso specifico ho scelto “far si che Autoptimize includa il codice css nell’Html” e “incorporare tutti i css”. In questo modo tantissimi errori restituiti da Page speed si sono risolti subito.

Un piccolo problema che mi ha sempre dato rogne per ottenere un buon risultato è la chiamata ai Google Fonts. Purtroppo se il vostro tema (come nel mio caso) effettua una chiamata al dominio dove sono ospitati i Google Fonts avrete un problema di caricamento.

Infatti il browser dovrà aspettare che vengano trovati i Google Fonts, interrompendo il processo, per poi riprendere il caricamento delle vostre pagine una volta ottenuta la risposta.

Io ho optato per rimuovere questa chiamata utilizzando l’opzione “rimuovi Google Fonts” dal Plugin di Autoptimize. Se voi non volete farne a meno con un po’ di programmazione PHP potreste implementare il font che preferite nella pagina senza che venga effettuata la chiamata esterna, riducendo i tempi di risposta.

Ora salviamo ed effettuiamo il nostro debug. Riscontrate problemi?

Se per caso avete deciso di continuare con un tema gratuito probabilmente potreste avere grosse difficoltà a raggiungere determinati punteggi senza avere difficoltà nella visualizzazione delle pagine. Anche io all’inizio pensavo che la gente volesse solo farmi spendere dei gran soldi. Purtroppo avevano ragione.

Date uno sguardo e cercate il tema giusto per il vostro blog.

Pronti Per Vedere La Differenza?

Se il nostro debug non ha riscontrato problemi iniziamo a caricare le varie pagine di Page Speed, GTMetrix e Pingdoom.

Pronti per vedere la differenza rispetto a prima? Diamo inizio al nostro test.

Test Velocità

Test Velocità

Se tutte le impostazioni sono corrette ed il sito è funzionante allora avrete davanti a voi dei risultati di gran lunga superiori a quelli precedenti. Se siete riusciti ad assecondare tutte le richieste di Google, nel suo tool, dovreste riuscire a raggiungere almeno un punteggio di 86 su 100 nei dispositivi mobili. Non male!

Nell’eventualità che il punteggio non sia così alto provate a controllare tutti i punti da migliorare e cercate i plugin sul vostro sito che potrebbero causare ritardi nel caricamento.

Per aumentare ulteriormente i punteggi vi basterà controllare i risultati dei vari tool. Vedere quali sono i punti deboli e lavorare su quelli.

Qui si conclude la guida su come velocizzare un blog con WordPress. Spero che anche per voi i risultati siano buoni, nel caso fosse così spero che abbiate voglia di condividerla con i vostri amici o colleghi. Se avete delle domande o dei consigli vi prego di scrivermi o lasciare un commento, cercherò di aiutarvi subito.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *