Ricerca Keywords – I Migliori 9 Strumenti per le Parole Chiave Google

 

I Tool Definitivi per la Ricerca Keywords!

Avere un blog nel quale esprimere la propria idea è bellissimo.

Ma è ancora più bello poter condividere i propri pensieri con persone che hanno i tuoi stessi interessi non trovi?

Non ti piacerebbe scoprire come essere presente nelle ricerche degli utenti interessati agli argomenti che tratti nel tuo blog?

A me come idea piace.

Vorrei poter raggiungere tutte le persone che come me si interessano di SEO e Web Marketing, anche solo per uno scambio di idee.

So che anche tu vorresti riuscirci!

Vorresti raggiungere tutti i tuoi potenziali clienti nel momento esatto in cui stanno digitando il nome del prodotto che vendi anche tu.

Ti faccio una domanda… Sai esattamente quello che cercano i tuoi clienti?

Se sei qui immagino tu sia in cerca di un aiuto nella ricerca keywords.

strumenti keywords

La Ricerca delle Parole Chiave su Google

Ti sarai accorto che scrivere un bel titolo e un buon contenuto non serve a molto se poi nessuno viene a leggere quello che hai scritto. Per ottenere traffico e visitatori dovrai posizionare il tuo sito web tra le prime posizioni delle ricerche dei tuoi utenti tipo!

Vuoi sapere la parte migliore?

La ricerca Keywords ti aiuterà a farlo!

Ottimizzando il tuo sito con le giuste parole chiave riuscirai a farti strada nel vasto mondo nel web per raggiungere tutti gli utenti davvero interessati ai tuoi contenuti.

Oggi ti mostrerò quali sono i 9 migliori strumenti per ricercare le keywords da inserire nel tuo sito web.

Aumentare il Traffico del Blog del 40% con la Ricerca delle Parole Chiave Google

Ci sono decine e decine di strumenti per effettuare la ricerca delle parole più adatte alla tua causa.

Perchè ne elenco solo 9? Perchè questi sono quelli che effettivamente si usano per questo tipo di lavoro.

E forse non ci crederai ma… La maggior parte di questi è gratuita!

Ora andiamo a vederli tutti:

1.Google Keywords Planner:

GKP è forse il più conosciuto strumento per la ricerca dei termini da utilizzare nelle nostre pagine. Ci sono tante opzioni che permettono di scoprire keywords più o meno utilizzate, vedere i trends di ricerca ed escludere i termini che non riteni collegati all’argomento.

La soluzione made in Google è davvero potente!

Da ricordare però che è uno strumento pensato e progettato per le campagne di advertising e che quindi dovrà essere interpretato al meglio per ottenere il massimo risultato possibile.

Per trovare le parole chiave è necessario procedere in questo modo:

  • Iscriversi a Google AdWords, se non si è ancora clienti. Ti verrà chiesto di inserire i metodi di pagamento durante la registrazione, crea un’annuncio con un budget di pochi centesimi di euro per poter utilizzare lo strumento senza dover pagare.
  • Andare su “Strumenti” e selezionare “Strumento di pianificazione delle parole chiave”

strumento di pianificazione delle parole chiave

  • Ora puoi scegliere se effettuare la ricerca utilizzando un termine, una pagina (spesso si usa quella di un competitors) oppure la categoria di prodotto.

Ricerca delle parole chiave

  • Una volta inserito il termine di ricerca ti troverai in una schermata dove potrai vedere un trend di ricerca generale, la stima delle ricerche mensili per la parola chiave che hai inserito (se hai usato un termine nella ricerca) ed una serie di termini correlati alla tua ricerca.

seo

ricerca-parole-chiave

  • Ora seleziona il termine che ritieni più opportuno ed interessante per la tua pagina ed inizia ad ottimizzarla!

2.Google Trends:

Il secondo strumento di Google è molto interessante per vedere qual’è l’interesse generale delle persone online per un determinato argomento.

Puoi infatti vedere quali sono le ricerche più popolari da parte degli utenti Google .

google-trends

Oppure vedere l’interesse nel tempo per un dato argomento o termine di ricerca:

trends-di-ricerca

Attraverso Google Trends puoi incrociare i dati che raccoglierai da Google Keywords Planner e dagli altri strumenti che stiamo per vedere e capire se la parola che stai pensando di utilizzare ha del potenziale oppure no.

3.Keywordtool.io:

Questo strumento mi ha salvato decine di volte e sono sicuro che anche tu lo apprezzerai tantissimo.

Keywordtool è molto semplice da utilizzare.

Il suo algoritmo prende la parola chiave che hai inserito nella ricerca e ti restituisce decine di variazioni della keyword per aiutarti a trovare le Long Tail Keywords di cui hai bisogno.

Puoi trovare suggerimenti per:

-Google

-You Tube

-Amazon

-Bing

-App Store

Ma vediamo nel dettaglio come funziona:

  • Inserisci il termine per cui stai effettuando la ricerca keywords:

keyword tool

  • Una volta premuto invio ti verranno mostrate decine e decine di parole chiave composte. Quello che devi fare ora è provare all’interno di Google Keyword planner quali hanno un volume di ricerca soddisfacente.

Suggeritore parole chiave

Facile no?

Continua a leggere per scoprire gli altri strumenti per la ricerca delle parole chiave!

4.Ubersuggest.io:

Simile allo strumento precedente, Ubersuggest, permette di cercare nuove parole chiave da utilizzare su Google.

La differenza sta nei luoghi in cui si possono cercare nuove ispirazioni:

-Google (strano eh…)

-Immagini di Google

-Shopping

-You Tube

-Google News

E’ uno strumento Google oriented!

Può essere molto utile nel momento in cui si cercano ispirazioni per le parole chiave da utilizzare nelle campagne di Google Shopping…

Adesso prova a farlo funzionare:

  • Come sempre inserisci la parola chiave da cui vuoi partire

ubersuggest keyword tool

  • Seleziona il luogo in cui vuoi che sia cercata e in che lingua, poi premi suggest

parole chiave google adwords

  • Una volta premuto invio ti troverai con un gran numero di keywords tra le quali scegliere.

E’ davvero così semplice scegliere le parole chiave giuste?

No!

Questi strumenti sono facili da utilizzare e molto intuitivi, ma non bastano solo questi.

Da quando Google ha cominciato a capire la semantica dei testi dei siti web tutti questi tool da soli non bastano più.

Incredibile eh? Ma la parte migliore viene adesso…

In fase di ottimizzazione delle pagine, da un punto di vista SEO, si deve fare particolare attenzione a come si scrive.

Non basta più creare un bel testo e mettere 4 immagini, ma bisogna far capire anche a Google di cosa stiamo parlando!

Come si fa?

Semplice! Dobbiamo utilizzare le LSI Keywords (Latent Semantic Indexing) nel testo.

Ecco gli strumenti che fanno al caso tuo:

5. LSIGraph.com (strumento in inglese):

LSIGraph è uno degli strumenti migliori che possa capitarti tra le mani!

Sfortuna vuole che sia completamente in inglese. Ma può benissimo essere utilizzato per vedere quali sono le parole coerenti con il nostro argomento per poi tradurle (quando possibile).

L’idea di base è quella di prendere le parole che ci vengono restituite per utilizzarle nel nostro articolo e far capire a Google di cosa stiamo parlando.

Ora prova anche tu:

  • Inserisci la parola chiave del tuo testo

LSI Keywords

  • Ora quello che devi fare è iniziare la ricerca keywords

LSI keywords

  • Puoi tradurre le parole che vengono restituite da questo strumento e vedere se rientrano nel contesto del tuo articolo. Solitamente non sbaglia mai di troppo questo tool ma non si sa mai…
  • Ora usa tutti i termini che ti sembravano inerenti al tuo argomento nel testo

L’evoluzione di Google verso la ricerca semantica ha cambiato il modo di scrivere sul web.

Non dimenticartene nei tuoi prossimi articoli!

6. Moz Keyword Explorer

Da una delle più famose aziende SEO in america e nel mondo arriva Keyword Explorer.

Lo strumento di Moz è davvero intuitivo e facile all’uso.

Peccato solo per le due ricerche giornaliere presenti nella versione free del software.

Moz Keyword Explorer

Il tool di Moz permette di vedere molte informazioni sulle parole chiave che inserirai nel suo sistema:

  •  Schiaccia il bottone per vedere le statistiche su ricerche mensili, difficoltà e potenziale…

keyword difficulty

  • Oltre a ricerche correlate e SERP aggiornata

Keyword tool google

Sfruttando i suggerimenti di Moz puoi lavorare benissimo anche sulla ricerca keywords LSI per i tuoi testi.

Io lo uso molto spesso e ti assicuro che funziona davvero alla grande!

7. SemRush:

Uno dei tool più conosciuti e più utilizzati di tutto il mondo della SEO

SEMrush

SemRush è una suite SEO che ti permette di effettuare decine e decine di analisi all’interno di un solo programma.

Puoi provarla benissimo nella versione di prova (10 ricerche al giorno), anche se i risultati non sono molti…

Il punto di forza di SemRush è quello di essere talmente tanto utilizzato da avere un database davvero completo di tutte le informazioni di cui hai bisogno…

Parti con l’inserire la parola chiave per cui vuoi effettuare l’analisi…

Semrush keywords

Adesso premi “Cerca” e guarda cosa accade….

Il software ti mostrerà tutte le informazioni possibili:

-N° di ricerche

-N° di risultati nella SERP

-Trend di ricerca

-CPC

-Concorrenza

Panoramica ricerca keywords

Ma non solo!

Potrai esaminare anche le KW correlate…

Report KW

Come per gli altri tool avremo tantissime idee sulle quali basare i nostri articoli… ma SemRush mette a disposizione anche una piccola sorpresa…

Permette di analizzare le keywords organiche posizionate nella SERP di un dominio!

Ricerca dominio

semrushorganic

In questo modo possiamo scoprire ed analizzare i nostri competitors per fare meglio di loro!

Nel caso in cui il tuo sito sia anche la tua fonte di guadagno ti consiglio di pianificare l’acquisto di un pacchetto di questo tool!

8. SeoZoom:

Questa suite tutta italiana è nata da poco ma fa già parlare molto bene di sè.

Come per il software precedente, anche qui ci troviamo davanti ad uno strumento completo di tutto.

Il vantaggio di questo tool è che è tutto italiano e costa meno rispetto al suo rivale… Anche se il database è ancora in fase di consolidamento, data la sua giovane età.

Lo sto testando da qualche mese e mi trovo decisamente bene.

Quello che all’inizio sembrava potesse essere un punto debole ora mi sta facendo ricredere! Nonostante i dati del database non possano risalire a periodi antecedenti al 2015 nelle ricerche, posso assicurarvi che le parole chiave che questo strumento fornisce sono davvero utilissime.

La ricerca keywords non è mai stata così semplice!

seozoom

Inserendo il termine che si vuole esaminare, SeoZoom ti restituirà tutte le informazioni riguardanti i volumi di ricerca e la difficoltà della parola chiave.

seozoom analisi kw

Il che semplifica davvero tantissimo la vita…

Puoi vedere da subito se conviene davvero investire del tempo e della fatica cercando di posizionare il tuo sito in ricerche molto complesse.

Se hai un sito avviato da poco sarà molto difficile posizionarsi sulla SERP di una parola chiave che ha una difficoltà molto alta…

Ma il bello viene adesso!

SeoZoom permette di vedere qualche dato in più…

Seo tool

Da qui puoi vedere sia le parole correlate che quelle che hanno lo stesso search intent!

E’ fantastico non pensi?

Tutto il lavoro di incrocio con LSIGraph e Keyword Planner si riduce ad una tab in più all’interno di questa suite SEO.

L’acquisto di SeoZoom può davvero semplificarti la vita.

Nel caso non abbiate ancora una suite SEO vi consiglio di farci un pensiero….

9. Ahrefs.com:

Uno degli strumenti che ho utilizzato di più in passato…

La suite Ahrefs ha un pregio enorme… trova molti più backlink di qualsiasi altra suite (che io abbia provato fino ad ora), però nella ricerca delle parole chiave è un gradino sotto alle due già citate prima.

Ahrefs fa benissimo una cosa ma non riesce a portare la sua eccellenza anche nel campo delle keywords.

Ci tengo ad inserirla perchè è giusto che te ne parli in modo che tu capisca in quale occasione è meglio utilizzarla…

Partiamo con una brutta notizia:

Per il periodo di prova devi inserire i dati della carta di credito…

Una volta effettuato l’accesso ti troverai davanti ad una dashboard con i dati ed i risultati del tuo sito web.

ahrefs dashboards

Arrivato qui è necessario cliccare su Keywords explorer posizionato nel menù in alto

keywords research

(immagine ahrefs)

Puoi vedere benissimo come la suite sia diversa dalle altre già esaminate…

I risultati sono più scarni e ci sono meno informazioni disponibili. Diciamo che ci sono le informazioni essenziali per chi ha bisogno di effettuare una ricerca keywords.

Il discorso cambia totalmente con la ricerca dei backlink… Ma questo è un altra storia che affronteremo più avanti.

Adesso è il tuo turno!

Rimboccati le maniche ed inizia a cercare le parole chiave per il tuo prossimo articolo o per la tua pagina del sito web.

Prima però ricordati di farmi sapere se ti è piaciuto l’articolo con un commento ed una condivisione 😉

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *